a
Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxitssa periculiser ex, nihil expetendis in mei eis an pericula es amet aperiri.

GIUSEPPE VORRO

Benvenuto su NUOVACLASSICA! Da questo momento fai parte del pubblico virtuale della gara “LA SETTIMA NOTA“. Vogliamo che tu sappia che IL TUO VOTO sarà FONDAMENTALE per individuare gli artisti che faranno parte della rosa dei candidati al Primo Premio (un contratto discografico!). Stai con noi!

VOTA QUI!

Giuseppe Vorro

Giuseppe Vorro. Semplice, portatore di sé stesso, nelle sue corde e nelle sue composizioni si percepisce il Battisti raffinato di “Anima Latina” e la chiara passione per i cantautori italiani. Timido ma determinato, di poche parole ma diretto, non si perde in virtuosismi né vocali, né strumentali, preferendo concentrarsi sul significato del testo e sulla fonetica.